Contenuto principale

News

Vaccinazione Anti Covid - Comunicato dell'Azienda sanitaria | 30.12.2021 | 15:18

Pazienti Covid in Ospedale: per la maggior parte non vaccinati

Il rischio di subire un ricovero in ospedale è molto più elevato per persone non vaccinate: infatti, i ricoveri di pazienti vaccinati sono pochi e riguardano soprattutto persone anziane e vaccinate già da parecchio tempo.

Pazienti Covid in Ospedale: per la maggior parte non vaccinatiZoomansichtPazienti Covid in Ospedale: per la maggior parte non vaccinati

Prosegue anche questa settimana il „trend “che si sta manifestando da diversi mesi: i ricoveri per la diagnosi primaria Covid riguardano soprattutto persone non vaccinate.

Dai dati del giorno 28 dicembre risulta che sono ricoverate, presso i reparti ordinari, 54 persone non vaccinate e 21 vaccinate. Calcolato su 100.000 persone vaccinate/non vaccinate, questo significa un rischio ben 15 volte maggiore per i non vaccinati (vedi grafica allegata). Nelle terapie intensive degli ospedali altoatesini sono ricoverati 15 non vaccinati e solo un vaccinato. Questo significa che le persone senza protezione immunitaria rischiano ben oltre 100 volte di più di essere intubate e ricoverate in terapia intensiva.

La situazione appare ancora più evidente considerando l‘età: nel gruppo degli over 70 si ricoverano circa 23 volte di più i non vaccinati dei vaccinati.

Tutti i vaccinati attualmente ricoverati hanno fatto la vaccinazione molto tempo fa e/o soffrono di malattie pregresse.

Questo è visibile anche tramite la grafica allegata che mostra le date delle infezioni in dettaglio.

In particolare, riguardo alla nuova variante Omicron che ora è arrivata anche in Alto Adige, questi dati confermano che un’immunizzazione adeguata – con dose booster – è assolutamente indispensabile: grazie a questa è infatti possibile evitare, nella maggior parte dei casi, delle complicazioni severe, correlate a lunghe degenze ospedaliere e che potrebbero esitare perfino nel decesso.

Informazioni per la stampa:
Rip. Comunicazione, Azienda sanitaria dell'Alto Adige

 

(SF)



Altre notizie di questa categoria