Contenuto principale

Ospedale di Bolzano | 23.10.2020 | 14:51

Protezione per madre e figlio: momentaneamente sospeso l’accesso dei visitatori all’ostetricia dell'Ospedale di Bolzano

Il reparto di Ginecologia e Ostetricia presso l'Ospedale di Bolzano tratta anche gravidanze a rischio e lavora a stretto contatto con il reparto di Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale. Ciò richiede un’attenzione ancora più grande da parte dei visitatori: a causa del crescente numero di infezioni, è stato deciso che fino a nuovo ordine non sarà più consentito ai visitatori di accedere al reparto di ostetricia.

Protezione per madre e figlio: momentaneamente sospeso l’accesso dei visitatori all’ostetricia dell'ospedale di BolzanoZoomansichtProtezione per madre e figlio: momentaneamente sospeso l’accesso dei visitatori all’ostetricia dell'ospedale di Bolzano

Per il Primario Martin Steinkasserer è stata una decisione difficile: "Non ci siamo resi la vita facile, perché il regolamento riguarda anche i padri dei neonati. Si tratta di un provvedimento che siamo costretti ad applicare per offrire alle madri ed ai loro figli la massima sicurezza possibile. Abbiamo deciso, in stretto accordo con la Direzione medica, di permettere comunque ai futuri padri nonché partner delle pazienti di assistere al parto, poiché sappiamo quanto nella vita sia importante questa esperienza".

L'aumento esponenziale dei numeri dell’infezione registrato in questi ultimi giorni impone il divieto di accesso al reparto per i visitatori esterni (e quindi anche ai padri) così come avviene per tutto l'ospedale ed in generale per quanto riguarda la circolazione all’interno dell’intera struttura. "L'ospedale di
Bolzano è un grande palazzo con molte persone che vanno e vengono. Dobbiamo fare in modo che le pazienti e i loro bambini, così vulnerabili, possano sentirsi al sicuro con noi, anche se questo significa che i padri saranno costretti, fino al loro ritorno a casa, ad usare il telefono o le videochiamate durante i pochi giorni di degenza", afferma Steinkassererer.

Informazioni per i media:
Rip. Comuncazione, tel. 0473 263806

(SF/TDB)



Altre notizie di questa categoria