Contenuto principale

Ospedale di Merano | 06.11.2019 | 11:07

Arrestare la miopia in età infantile

Troppo bello per essere vero, che una miopia progressiva possa essere bloccata fin dall’età infantile; probabilmente questo è il desiderio di molti genitori. Eppure, in seguito a studi scientifici internazionali, l’oculistica offre ora - e anche presso l’Ospedale di Merano - una terapia rivolta alla fascia di età 6-14 anni: una cura che riscuote sempre più vasta popolarità.

Il Primario Andreas Pichler e l'oculista Anita Niederhofer: "Studi scientifici particolareggiati"ZoomansichtIl Primario Andreas Pichler e l'oculista Anita Niederhofer: "Studi scientifici particolareggiati"

L’innovazione arriva originariamente dall‘Asia, dove c’è un’alta concentrazione di persone colpite da forte miopia e la tendenza è purtroppo in aumento. Questo è dovuto anche al fatto che sempre più persone stanno poco all’aria aperta ed aumenta il tempo dell’uso di smartphone e pc. Il 15% di tutti gli alunni di scuola elementare – lo si stima anche in Europa - sono già miopi e fino all’età di 25 anni lo diventa il 45%.

Anche negli USA e nel Nord Europa già da anni si sta facendo ricerca per trovare una cura che possa arginare, almeno in età infantile, la miopia. “Nel caso di miopia il bulbo oculare cresce in lunghezza ed è un processo irreversibile. Da anni si sa però che una somministrazione a basso dosaggio di gocce di ‘Atropina’ può bloccare questo processo di allungamento. Ciò significa che il bulbo oculare non cresce più in lunghezza e la miopia rimane così per lo più stabile, a differenza di quei bambini non trattati”, dichiara Andreas Pichler, Primario di Oculistica del Comprensorio sanitario di Merano. Per gli oculisti ciò è importante per poter offrire una più alta qualità di vita senza occhiali, ma anche per evitare soprattutto determinati fattori di rischio che una miopia comporta: “Persone affette da importante miopia hanno un rischio molto più elevato di contrarre gravi patologie dell’occhio, come il glaucoma, il distacco della retina e la macula degenerativa”.  

Se sussisteva un problema nel dosaggio ottimale di somministrazione di queste gocce, che devono essere costantemente instillate tutte le sere, ora degli specialisti di cliniche universitarie internazionali hanno trovato la soluzione. “Già da alcuni anni a questa parte, durante dei congressi nelle aree di lingua tedesca, sono stati presentati degli studi scientifici particolareggiati, che hanno riscosso grande successo e sono stati seguiti gradualmente da sempre più ospedali e cliniche in particolare a nord delle Alpi”, ha commentato l’oculista Anita Niederhofer, che dall’estero ha introdotto questa terapia a Merano. 

Ci atteniamo alle indicazioni dell’Associazione Federale Tedesca degli oculisti: naturalmente questa profilassi non viene impiegata su nessun bambino sano anzi, devono sussistere determinati fattori di rischio, come ad esempio la miopia dei genitori o esserci già una miopia conclamata. Visitiamo il bambino e, qualora la terapia sia indicata, controlliamo regolarmente per almeno due anni se la cura ha sortito l’effetto desiderato. La terapia è di facile somministrazione, si tratta di gocce oculari allo 0,01% di Atropina, che devono essere instillate una volta al giorno prima di coricarsi; non contengono conservanti e vengono confezionate apposta per noi”, dichiara Pichler. Il principio attivo dell’Atropina arresta l’involontario accrescimento in lunghezza dell’occhio. 

I costi delle gocce sono a carico dei genitori ma sono però contenuti: in farmacia il farmaco costa circa 14 euro mensili e dev’essere prescritto da un medico.  Vengono trattati bambini di età compresa fra i 6-14 anni ed è necessaria un‘impegnativa del pediatra di base per ciascuna visita oculistica e di ortottica.

Contatto:
Centro di prenotazione Ospedale di Merano, tel. 0473 264000, e-mail: vormerkung.me@sabes.it 

Informazioni per i media:
Sabine Flarer, Ripartizione Comunicazione, marketing e relazioni pubbliche presso il Comprensorio sanitario di Merano, tel. 0473 263 806, e-mail: sabine.flarer@sabes.it

(SF/EC)



Altre notizie di questa categoria