Contenuto principale

Dipartimento di prevenzione

Dipartimento di Prevenzione

Via Amba Alagi 33
39100 Bolzano
Web: http://www.asdaa.it/prevenzione


Attività:

I seguenti servizi compongono il Comitato consultivo e collaborano all'interno del Dipartimento:

  • Servizio di Igiene degli Alimenti e della Nutrizione S.I.A.N. (Servizio aziendale)
  • Servizio di Igiene e Sanità Pubblica S.I.S.P. (Servizio aziendale)
  • Servizio di Medicina del lavoro (Servizio aziendale)
  • Servizio di Medicina dello Sport (Servizio aziendale)
  • Servizio aziendale Veterinario (Servizio aziendale)
  • Servizio di Dietetica e Nutrizione clinica (Bolzano)
  • Rappresentante dei dirigenti medici e sanitari: Dott.ssa Loredana Latina
  • Rappresentante del personale sanitario non medico: Dott.ssa Gundula Gröber

Il Dipartimento di Prevenzione è una struttura a valenza aziendale il cui compito è principalmente quello di individuare e contrastare i fattori di rischio che possono nuocere alla salute, valutando ed interpretando dati sia di natura sanitaria che ambientale. Avvalendosi della collaborazione di numerosi servizi aziendali e dipartimenti provinciali, ha la facoltà di promuovere studi, progetti e ricerche nonché di elaborare linee guida, protocolli operativi e programmi per misure di profilassi. L'istituzione del Dipartimento di Prevenzione è stata approvata il 06.12.2011 con delibera del Direttore Generale.

Sito web: www.asdaa.it/prevenzione


Alla mappa: Via Amba Alagi 33

Direttore/Direttrice reggente

Coordinatore/trice

News

Prevenzione | 01.06.2022 | 11:42

Vaiolo delle scimmie: «Nessun caso in Alto Adige ma monitoriamo la situazione»

Dopo i primi casi registrati in Italia, sale il livello di attenzione in Alto Adige anche se finora non sono state segnalate infezioni.

Vaiolo delle scimmieZoomansichtVaiolo delle scimmie

Se c’è una lezione che la pandemia ci ha lasciato è quella di non abbandonare mai nulla al caso quando si tratta di rischi epidemiologici. Pertanto, pur non registrando attualmente casi di vaiolo delle scimmie in Provincia, l’Azienda sanitaria provvede a fornire tutte le informazioni del caso alla popolazione e tiene costantemente d’occhio la situazione.
  
A confermarlo è Florian Zerzer, Direttore generale dell’Azienda sanitaria, che raccomanda cautela: «Per fortuna, non ci sono casi di vaiolo delle scimmie che riguardano il nostro territorio ma, ovviamente, non abbassiamo la guardia. Per questo motivo, continueremo a monitorare attentamente lo sviluppo degli eventi ma senza fare allarmismi».

Sulla stessa lunghezza d’onda anche il commento della Primaria del reparto Malattie infettive all’Ospedale di Bolzano, Elke Maria Erne: «Questo virus non è pericoloso quanto il Covid-19. Tuttavia, può causare dei seri problemi di salute alle categorie di popolazione più fragili quali bambini, donne in gravidanza o persone immunosoppresse. In caso di insorgenza di sintomatologie, specie se evidenti come le eruzioni cutanee, va evitato qualsiasi contatto con il soggetto infetto, che deve rimanere in quarantena fino alla scomparsa dei sintomi».
Per avere un quadro informativo completo sul vaiolo delle scimmie e le disposizioni in caso di contagio, si rimanda ai seguenti paragrafi. 


Che cos’è il vaiolo delle scimmie e come agisce
Il vaiolo delle scimmie (monkeypox o MPX) è un’infezione virale – il virus è stato identificato come patogeno umano per la prima volta in Congo nel 1970 – che si trasmette dagli animali (primati e piccoli roditori) all’uomo. Per questo motivo è definita “zoonotica”. Fa parte della stessa famiglia del vaiolo (smallpox virus) ma se ne differenzia per una minore capacità trasmissiva e una sintomatologia più blanda.

Sintomi e canali di trasmissione
Nell’uomo, i sintomi più comuni sono febbre, dolori muscolari, cefalea, rigonfiamento dei linfonodi, stanchezza e/o manifestazioni cutanee quali vescicole, pustole e piccole croste. La malattia si risolve spontaneamente in 2-4 settimane con adeguato riposo e senza terapie specifiche. Se necessario, possono essere somministrati degli antivirali. Finora, la maggior parte dei casi registrati in altre regioni italiane ha avuto sintomi lievi e un decorso benigno.

Nelle aree in cui è diffuso, il vaiolo delle scimmie si trasmette all’uomo principalmente attraverso un morso o un contatto diretto con sangue, carne, fluidi corporei o lesioni cutanee dell’animale infetto.
Il virus, però, non passa facilmente da persona a persona ma ciò può avvenire attraverso il contatto stretto con i fluidi corporei o le lesioni cutanee di una persona contagiata. Ci si può infettare anche attraverso droplets (goccioline di saliva, NdR), mediante un contatto prolungato faccia a faccia, o tramite oggetti contaminati, ad esempio lenzuola e vestiti. I dati ad oggi disponibili e la natura delle lesioni suggeriscono che il virus possa essere trasmesso attraverso rapporti sessuali ma il rischio è moderato per chi ha più partner mentre è basso per il resto della popolazione.

Cosa fare se si viene infettati
In caso di contagio, le raccomandazioni prevedono di restare in casa e a riposo qualora insorga la febbre. Inoltre, di chiamare il medico di fiducia se compaiano vescicole o altre manifestazioni cutanee. Come prevenzione, è importante evitare il contatto stretto con persone sintomatiche.
Eventuali contatti devono controllare la loro temperatura corporea due volte al giorno e, anche se asintomatici, non devono donare sangue, cellule, tessuti, organi, latte materno o sperma mentre sono sotto sorveglianza. Durante i 21 giorni di sorveglianza, i contatti degli infettati da vaiolo delle scimmie devono evitare di incontrare persone immunodepresse, donne in gravidanza e bambini di età inferiore ai 12 anni.
Dalla sua scoperta, casi umani sono stati riportati in diversi paesi africani. Attualmente, la malattia è endemica in Benin, Camerun, Repubblica Centro Africana, Repubblica Democratica del Congo, Gabon, Ghana (solo casi animali), Costa d’Avorio, Liberia, Nigeria, Sierra Leone e Sud Sudan. Tuttavia, dal 13 al 21 maggio 2022, sono stati segnalati all’Organizzazione mondiale della Sanità (OMS) casi umani in dodici stati membri, tra cui l’Italia, in cui la malattia non è endemica.    

L’efficacia del vaccino antivaiolo
È possibile che le persone non vaccinate contro il virus del vaiolo (immunizzazione abolita in Italia nel 1981) siano a maggior rischio di infezione per l’assenza di anticorpi che, per similitudine, possono essere efficaci a contrastare anche il vaiolo delle scimmie. La vaccinazione post-esposizione (idealmente entro quattro giorni dal contatto) può essere presa in considerazione per contatti a rischio più elevati come gli operatori sanitari, compreso il personale di laboratorio.

Informazioni per i media:
Ripartizione Comunicazione, Azienda sanitaria dell'Alto Adige

(RL)



Altre notizie di questa categoria

Downloads
  Titolo Download

Per aprire i documenti PDF contenuti in questa pagina occorre installare un lettore PDF.
Se non ne hai già installato uno nel tuo sistema, puoi scaricare:
Lettori PDF liberi
un lettore PDF libero
Adobe© Reader©
il programma Adobe© Reader©


Dipartimento di Prevenzione
Dipartimento di Prevenzione
Contatti e ambiti d’intervento (2016)
  1. Dipartimento di Prevenzione
    (PDF 5814 KB)
Consigli per una vita sana
Consigli per una vita sana
...del Dipartimento di prevenzione
  1. Alimentazione: La salute si costruisce a tavola
    (PDF 4276 KB)
  2. Cardiologia: In bici si suda? Il cuore ringrazia
    (PDF 2330 KB)
  3. Medicina dello Sport: Il movimento è avventura
    (PDF 2973 KB)
  4. Pneumologia: La vita è breve, non mandarla in fumo
    (PDF 1980 KB)
Muffa e salute - Per saperne di più
Muffa e salute - Per saperne di più
"Muffa" è un termine generico che comprende vari funghi microscopici. Quando si arieggia un locale, le spore delle muffe entrano con l’aria esterna. In sé non è una cosa preoccupante, ma lo diventa se le spore si depositano su materiali umidi dove trovano le condizioni per crescere e proliferare. Questo opuscolo del Dipartimenti di Prevenzione raccoglie raccomandazioni utili.
  1. Muffa e salute - Per saperne di più
    (PDF 2690 KB)
  2. Mould and Health
    (PDF 2690 KB)
  3. Muffa e salute - arabo
    (PDF 888 KB)
Pidocchio del capo - Informazioni sulla prevenzione
Pidocchio del capo - Informazioni sulla prevenzione
Di pediculosi si dovrebbe parlare apertamente; è da evitare una discriminazione dei bambini colpiti. Casi di pediculosi sono molto frequenti e non sono dovuti a scarsa igiene. Quanto prima viene scoperto un caso di pidocchi tanto più facile è il trattamento; inoltre può essere così evitata una ulteriore diffusione. La miglior prevenzione consiste nei controlli regolari e nella segnalazione tempestiva da parte dei genitori dei casi di pediculosi. Foto © K. Zernecke - Fotolia.com
  1. Pidocchio del capo: Prevenzione, trasmissione, trattamento
    (PDF 213 KB)
  2. Foglio informativo
    (PDF 78 KB)
Zanzara tigre: Come proteggerci?
Zanzara tigre: Come proteggerci?
Come la combattiamo? Come ci proteggiamo durante i viaggi?
  1. Lotta larvicida: prodotti consigliati
    (PDF 1514 KB)
  2. Misure da intraprendere
    (PDF 526 KB)
  3. Viaggi nelle zone tropicali
    (PDF 1591 KB)